A SONDRIO PER IL SI’ ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE

CociancichOggi a Sondrio, in compagnia dell’amico e collega Roberto Cociancich, che ha spiegato ai numerosissimi presenti i punti salienti della riforma costituzionale, è partita ufficialmente la campagna per il sì al referendum costituzionale di ottobre.

Anche per la Valtellina e la Valchiavenna basta un sì!

Mentre introducevo l’incontro, presentando Roberto, ero davvero emozionato. Abbiamo mantenuto la promessa che abbiamo fatto quando nel 2013 ci siamo candidati: fare quella riforma della costituzione che il Paese aspetta da decenni. Mi ritengo molto fortunato, perché non era facile mantenere una promessa così impegnativa, specialmente a seguito del risultato delle elezioni del febbraio 2013: ma l’abbiamo fatto, abbiamo rispettato il nostro impegno con gli elettori
e costruito un cambiamento profondo.

L’Italia non ha mai trovato il coraggio di decidere davvero sul proprio futuro. Oggi invece noi – in particolare il Partito democratico, insieme alla maggioranza parlamentare – abbiamo deciso e proponiamo ai cittadini il referendum su questa proposta, urgente e necessaria, che rivendichiamo con orgoglio e che stiamo spiegando, nelle piazze e negli incontri, confrontandoci con tutti i cittadini per informare nel merito cosa cambierà. Votare sì comporta diversi vantaggi, anche a livello locale: con la nuova Costituzione si rafforza il processo verso il pieno riconoscimento della specificità montana, perché viene garantita la possibilità di concedere specifiche autonomie alle aree viste montane.

Senza la riforma costituzionale questo processo, avviato a fatica e basato sulla forza politica del nostro territorio di imporre la propria visione, rischia di venire meno. La riforma, in definitiva, fa salvo e rende definitivo il percorso della specificità montana della nostra provincia: chi afferma il contrario dice il falso.

Qua di seguito vi lascio il video di una parte del mio intervento:

Era presente anche TeleUnica Sondrio, che ha intervistato me e Roberto Cociancich.

 

Rispondi