MARIA ELENA BOSCHI A MORBEGNO: UN SÌ PER IL TERRITORIO!

Riforma costituzionale: per il paese, per i territori”: così abbiamo deciso di intitolare l’incontro di oggi con  il ministro ai Rapporti con il Parlamento e alle Riforme, Maria Elena Boschi che si è tenuto a Morbegno.  A nome di tutti ho ringraziato il ministro per aver deciso di raccogliere il mio invito a raggiungere, qua in provincia di Sondrio, i tantissimi cittadini che chiedono di conoscere meglio come la riforma costituzionale cambierà il nostro Paese.

Mentre i sostenitori del “no” a tutti costi, quelli che vogliono mantenere le poltrone belle salde e non cambiare mai niente, spargono paure e scenari apocalittici, noi stiamo lavorando per i cittadini e ci confrontiamo con loro, spiegando i contenuti e gli effetti di questa riforma attesa da decenni.

IMG_4860Oggi pomeriggio, dopo un incontro con moltissimi amministratori locali e i rappresentanti delle categorie economiche e sociali, ho accompagnato il ministro Boschi all’Auditorium Sant’Antonio dove la aspettavano oltre cinquecento persone.

Prima di salire sul palco Maria Elena Boschi ha voluto conoscere i volontari dei Comitati per il Sì sorti in provincia, con i quali si è intrattenuta per le foto di rito e per ringraziarli personalmente per il grande lavoro svolto e quello ancora più impegnativo che ci sarà da fare in vista del 4 dicembre. Nei prossimi mesi sarà fondamentale raggiungere e informare più persone possibile, perché come il ministro ha ricordato nel suo discorso

“oggi la scelta spetta unicamente a noi: gli obiettivi che questa riforma porta avanti sono quelli di avere un paese più stabile, più semplice, più efficiente.

IMG_4862L’intervento del Ministro è stato ascoltato in religioso silenzio da tutto il pubblico presente in Auditorium: non solo militanti e amministratori locali, ma anche moltissimi cittadini che hanno affollato ogni angolo per ascoltare le ragioni a sostegno del sì. Maria Elena Boschi con puntualità e precisione ha ricostruito come si è arrivati a questa riforma, e con passione ha ricordato quali sono i principali punti di forza del testo, evidenziando anche i benefici per i territori montani:

“Una parte di cui si parla poco di questa riforma ma che di certo è importante: questa è l’unica riforma che ha previsto nero su bianco di valorizzare la specificità dei territori montani. (…) Se perdete questa occasione, non so se in altri progetti ci sarà qualcuno in grado di avere la forza di affermare in Costituzione un principio così importante di specificità di questo territorio e dei territori montani in generale, perché come potete immaginare è un elemento dentro il Parlamento minoritario, perché riguarda solo alcuni territori d’Italia.”

Qua sotto il video integrale dell’incontro:

boschi2

Ovviamente la stampa locale ha dato grande risalto all’incontro: potete trovare alcuni articoli qui, qui qui. La cosa più importante di tutte è stata però la straordinaria partecipazione: a fine incontro il ministro si è trattenuta con i tantissimi cittadini che han voluto stringerle la mano per incoraggiarla nella sua azione e manifestarle il supporto del nostro territorio.

Un ringraziamento speciale va ai tanti volontari che in queste settimane si sono iscritti ai comitati, in tutte le zone della provincia, e a tutti quelli che hanno dato una mano all’organizzazione dell’incontro pubblico: il loro entusiasmo e la loro passione sono ingredienti fondamentali per coinvolgere sempre più valtellinesi e valchiavennaschi per il sì al referendum.

 

P.S. La stessa sera ha fatto tappa in Valtellina anche il collega Calderoli, che in un incontro a Sondrio ha sostenuto il No al referendum, dicendo per altro che è sbagliato eliminare le province nonostante fosse questo il programma della Lega Nord alle ultime elezioni politiche e lui stesso avesse presentato, non più tardi di un anno fa, una proposta di legge costituzionale che era identica al testo Boschi nella parte sulle province.

Potete trovare qui le mie considerazioni (“Calderoli è in disaccordo con se stesso“) e qua sotto il video di Teleunica:

 

 

Rispondi