ITALIA COL SEGNO +, UNA PIACEVOLE CONFERMA

Il mercato del lavoro

Grazie al Jobs Act tanti cittadini realizzano il proprio futuro: oltre mezzo milione di nuovi occupati in più nel 2015! L’ISTAT ha certificato i progressi incredibili fatti del mercato del lavoro in questi mesi:

Su base annua la disoccupazione registra un forte calo (-14,3%, pari a -479 mila persone in cerca di lavoro), cresce l’occupazione (+0,9%, pari a +206 mila persone occupate).

Anche la disoccupazione giovanile è in calo: ha raggiunto il 36,5%, il livello più basso dal 2012. Chiaramente non è sufficiente: c’è ancora davvero tanto lavoro da fare, ma l’inversione rispetto al trend degli ultimi anni è sorprendente. La ripresa degli investimenti, il Jobs Act e le riforme messe in campo dal Governo hanno generato una spinta verso la creazione di nuovi posti di lavoro, di cui beneficeranno tutti i cittadini e l’intero Paese.

 

 

La bilancia delle esportazioni

Gli ultimi dati ISTAT certificano anche lo stato di buona salute per il nostro export. A novembre infatti sono cresciute rispetto al mese precedente sia le esportazioni che le importazioni: il surplus commerciale attuale è di 4,4 miliardi di euro (con un aumento del 23% rispetto al novembre 2014!)

maxresdefaultLa notizia è doppiamente positiva, perché è dettata da un aumento delle esportazioni italiane sia verso paesi europei sia verso il resto del mondo: l’incremento delle vendite all’estero è trainato soprattutto dal settore dell’automobile, della farmaceutica, chimica e apparecchiature elettroniche e tecnologiche… Non solo i settori di punta della nostra industria, ma anche nuovi comparti produttivi.

Dall’inizio dell’anno l’attivo raggiunge 39,2 miliardi di euro: l’anno scorso era di tre miliardi in meno… “L’Italia col segno +” non è solo uno slogan, ma una piacevole conferma.

 

Rispondi