LE MONTAGNE PER IL SI, UN SI PER LE MONTAGNE

Oggi alla Camera abbiamo presentato il manifesto “Le montagne per il sì, un sì per le montagne: un documento che in compagnia dei colleghi e inseparabili compagni di cordata Enrico Borghi e Roger De Menech abbiamo redatto e proposto a tutti gli italiani che hanno a cuore la montagna. Il documento ha da subito trovato l’appoggio trasversale di decine di parlamentari ed amministratori di tutta la montagna italiana, del Ministro per le riforme Maria Elena Boschi e del Ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa.

Quella di oggi è stata la grande occasioni per dire un sì per la montagna: i padri costituzionali hanno assegnato alla montagna un posto particolare. Già l’articolo 44 comma 2 invita il legislatore a porre attenzione particolare alle terre alte: con la riforma, questo principio viene potenziato. Si fa riferimento all’area vasta e molti aspetti della riforma valorizzano le autonomie locali e danno grande attenzione ai territori: da oggi si attiva una forte rete di amministratori e di politici che operano sulle aree montane, restituendo centralità politica a queste zone.

MONTAGNE PER IL SILa riforma costituzionale imprime un assetto nuove agli enti territoriali, di cui vengono valorizzate le peculiarità: le diversità divengono un punto di forza, in particolare per le aree montane. Il nuovo ruolo del Senato permetterà di rappresentare le istanze territoriali a livello nazionale: sarà il ramo del Parlamento che rappresenterà le istanze territoriali e interverrà nei procedimenti che investano la vita quotidiana degli enti territoriali, comprese le aree montane.

Per il momento il manifesto è stato sottoscritto già da più di trenta parlamentari, appartenenti a diversi gruppi politici, e oltre duecento amministratori locali: chiunque volesse aggiungere la sua firma può farlo contattandomi direttamente (vedi alla sezione Contatti) oppure scrivendo all’indirizzo mail del coordinamento dei comitati provinciali per il sì comitatosondrio.perilsi@gmail.com

Qua sotto il video completo della conferenza stampa.

Rispondi