TUTTO QUELLO CHE NON VI HANNO MAI DETTO SULL’IMMIGRAZIONE

dalla zuanna defIeri sera a Sondrio si è svolto l’incontro,  organizzato dal Gruppo PD Senato in collaborazione con i Circoli di Tirano e Morbegno, col collega senatore PD Gianpiero Dalla Zuanna.

Gianpiero è professore di demografia all’Università di Padova e uno dei maggiori esperti italiani di demografia delle migrazioni, autore di diverse ricerche sul tema: chi meglio di lui poteva aiutarci a capire l’impatto dell’immigrazione sul nostro Paese, andando oltre i semplicistici slogan che parlano alla pancia delle persone, e non al cervello?

Dalla Zuanna ha pubblicato diversi libri sulle migrazioni e sulle dinamiche demografiche, l’ultimo dei quali si intitola proprio “Tutto quello che non vi hanno mai detto sull’immigrazione”. Nel video riportato qua sotto, Dalla Zuanna spiega bene come i dati ci possono aiutare a comprendere meglio il presente per decidere come agire nel futuro.

Con Gianpiero abbiamo avuto modo di approfondire diversi aspetti del fenomeno dell’immigrazione, con particolare attenzione al tema dei richiedenti asilo: partendo dai dati demografici e dai numeri delle fasce di popolazione, ha tracciato un quadro molto chiaro di ciò che è successo in questi anni e di cosa dobbiamo aspettarci in futuro.

Se facciamo una rapida ricerca per quanto riguarda la nostra Provincia, è facile scoprire che in questo momento, attraverso i vari canali di accoglienza, sono ospitati sul nostro territorio circa 550 richiedenti asilo, su una popolazione di oltre 180.000 persone.

In proporzione, si tratta di un richiedente asilo ospitato ogni 327 valtellinesi o valchiavennaschi: di certo, non si tratta di dalla zuannaun’invasione. 

Alla luce anche delle recenti polemiche, è importante tenere a mente questa proporzione, per capire come sia necessario continuare a pensare con la testa, senza farsi ingannare da facili paure, suscitate per interessi politici.

In particolare, per quanto riguarda il tema dei richiedenti asilo, Dalla Zuanna si è soffermato sul fatto che spesso sono necessari oltre due anni, prima di dare risposta alle domande: è certamente il primo punto sul quale intervenire, per fare in modo che i migranti non restino “parcheggiati” per anni in attesa di conoscere il loro destino.

Tra le altre cose abbiamo parlato anche del disegno di legge in materia di cittadinanza, che è attualmente all’esame della Commissioni Affari costituzionali in Senato: questo ddl, già approvato dalla Camera, si pone l’obiettivo di andare oltre lo ius sanguinis, prevedendo una duplice variazione alla normativa vigente. dal zuannaViene infatti estesa l’applicazione dello ius soli e introdotta una nuova fattispecie, riconducibile allo ius culturae.

Ho molto apprezzato anche gli interventi del pubblico presente, tra il quale vi erano molti rappresentati delle  organizzazioni sindacali e degli enti che si occupano dell’accoglienza ai migranti.

Tanti gli stimoli, specialmente sul tema dell’integrazione non solo dei richiedenti asilo, ma anche degli stranieri che vivono da anni nel nostro Paese: una risorsa importantissima non solo per i conti economici, ma anche per la crescita e lo sviluppo delle nostre comunità.

Potete trovare le slides presentate da Dalla Zuanna durante l’incontro al seguente link.

 

Rispondi